Visualizzazioni totali

sabato 7 maggio 2011

IL LIBRO DEGLI SPIRITI di Allan Kardec


A cose nuove parole nuove: così richiede la chiarezza del linguaggio, per evitare la confusione che nascerebbe dall'attribuire diversi significati ad una stessa parola.
Le parole spirituale, spiritualista, spiritualismo hanno un significato ben definito, e quindi se si volesse attribuirne loro uno nuovo per applicarlo alla dottrina degli Spiriti, si moltiplicherebbero gli equivoci.
Lo Spiritualismo è l'opposto del Materialismo; per la qual cosa, coloro che credono di avere in sé qualche cosa di diverso dalla materia sono spiritualisti; ma da ciò non segue che essi credano alla esistenza degli Spiriti, e molto meno alla possibilità delle loro comunicazioni col mondo visibile. Per designare quindi questa credenza, noi, invece delle parole spirituale e spiritualismo, adoperiamo quelle di spiritico e spiritismo, che hanno il pregio di essere assai chiare, lasciando alla parola spiritualismo il suo significato comune.
Noi dunque diremo che la dottrina spiritica, cioè lo Spiritismo, ha come principio la credenza nelle relazioni fra il mondo materiale e il mondo invisibile, cioè fra gli uomini e gli spiriti, e chiameremo spiritisti coloro che accettano questa dottrina.
Il Libro degli Spiriti contiene la dottrina spiritica, la quale è in intima relazione con la dottrina spiritualista, di cui è una conferma ed una dimostrazione. E' per questo che al suo titolo sono state premesse le parole: Filosofia spiritualista.
 TESTO INTEGRALE DEL LIBRO: