Visualizzazioni totali

lunedì 13 giugno 2011

Evola e Guènon sull'iniziazione


‎"Proprio sulla massoneria come viatico tuttora valido a una realtà metafisica si ebbe una garbata querelle tra Guènon e Evola, vergata nelle pagine di un concitato epistolario: il primo credeva che si dovesse operare un distinguo tra un'iniziazione "virtuale" e una "effettiva", asserendo che solo la prima forma fosse possibile usufruire per i membri delle moderne associazioni muratorie, dato che quest'ultime non avevano ormai più la qualifica di "tradizionali", condizione unica perchè si potesse avere il secondo tipo di consacrazione, l'esoterista romano controbatteva che l'iniziazione "virtuale" era de facto inesistente, posto che non poteva darsi un'iniziazione vera da parte di un'associazione "spiritualemente degradata" qual era la massoneria odierna."
Da Julius Evola e la libera muratoria. Una verità scomoda. di Fabio Venzi. Prefazione di Marcello De Martino. p. 7