Visualizzazioni totali

sabato 2 luglio 2011

"Atalanta o il guadagno" e lo sviamento contro-iniziatico



Carlo Adelio Galimberti- Atalanta e Ippomene -  1999, olio su tela, cm. 100 x 120
Da Atalanta o il guadagno di Francis Bacon:
"Atalanta, essendo velocissima, fece una gara di corsa con Ippomene. I patti erano questi: in caso di vittoria Ippomene avrebbe sposato Atalanta, in caso di sconfitta avrebbe pagato con la morte. La vittoria non sembrava incerta, dato che l'insuperabile abilità di Atalanta nella corsa era stata sottolineata dalla morte di molti.
Pertanto Ippomene si apprestò al dolo. Preparò infatti tre mele d'oro e le portò seco. La gara ebbe inizio: Atalanta corse avanti; Ippomene, vedendosi lasciato indietro, non dimentico del sotterfugio, scagliò davanti agli occhi di Atalanta una delle mele d'oro; non in linea retta però, ma di traverso, perché quella indugiasse e inoltre si allontanasse dalla via. La donna per muliebre avidità, allettata dalla bellezza del pomo, abbandonata la pista, corse dietro alla mela e si chinò a raccoglierla. Ippomene frattanto compì un non piccolo tratto di percorso, lasciandosela indietro. Ella tuttavia, nuovamente per naturale dono, recuperò il tempo perduto e ancora passò a condurre: ma, avendo ripetuto Ippomene una seconda ed una terza volta questo artificio ritardatore, al fine rimase vincitore per astuzia e non per valore."
Il mito di Atalanta e Ippomene è una allegoria del conflitto tra arte e natura.
Atalanta è l'arte, la libertà spirituale, se non trova impedimenti e trappole, essa è di gran lunga più veloce della natura e perviene più celermente alla meta.
I "pomi d'oro" sono le trappole alla libertà spirituale, sono i "finti maestri", "trappole contro-iniziatiche" che ritardano, e talvolta sviano del tutto, il percorso verso la libertà dello spirito. Non è facile seguire il vero  verso la vera meta; i "pomi d'oro" tagliano la via intrapresa e spingono ad abbandonare il percorso,  declinano al guadagno, all'affarismo materiale, alla ricerca dell'oro fisico come accade ad Atalanta:
Muta cammino e raccogli il volubile oro. - Ovidio, Metam. X, 667
E' difficile vincere la natura e seguire la sua via, e spesso come per Atalanta la battaglia è persa.

di Gandolfo Dominici